This site uses cookies to provide a better experience. Continuing navigation accept the use of cookies by us OK

CINA- CONCLUSA LA VI SETTIMANA DELLA CUCINA ITALIANA. AMBASCIATORE FERRARI: “IMPORTANTE VOLANO PER PROMUOVERE L’AGROALIMENTARE ITALIANO”

Date:

12/06/2021


CINA- CONCLUSA LA VI SETTIMANA DELLA CUCINA ITALIANA. AMBASCIATORE FERRARI: “IMPORTANTE VOLANO PER PROMUOVERE L’AGROALIMENTARE ITALIANO”

Dal 22 al 28 novembre si è tenuta in tutta la Cina la VI Settimana della Cucina Italiana nel Mondo, iniziativa, giunta ormai alla sua sesta edizione, volta a valorizzare all’estero la cucina italiana di qualità e a promuovere i prodotti del nostro comparto agroalimentare.

La comunità imprenditoriale italiana del settore della ristorazione ha partecipato anche quest’anno con entusiasmo, lanciando una serie di promozioni e organizzando numerosi eventi dedicati. Oltre ai menù speciali e ai piatti ad hoc proposti per l’occasione dai ristoranti locali, la Settimana della Cucina ha visto a Pechino la collaborazione della nota catena di supermercati Jenny Lou’s e dell’applicazione di food delivery Sherpa. L’evento di promozione dell’agroalimentare italiano si è concluso nella capitale cinese con una cena di gala ospitata dall’Ambasciatore Luca Ferrari nella Residenza d’Italia, cui hanno partecipato quasi cento tra i principali esponenti del mondo politico e imprenditoriale cinese.


A Shanghai, il Consolato Generale, sfruttando l’occasione della Settimana della Cucina, ha lanciato una speciale sezione dedicata ai ristoranti italiani presenti nella Cina Orientale all’interno del proprio miniprogram WeChat. A Chongqing il Consolato ha promosso il tema della sostenibilità alimentare tramite webinar ad hoc ma anche con la collaborazione con la catena di supermercati “Olè”, che per tutta la Settimana ha utilizzato speciali buste biodegradabili. A Canton, oltre a diversi eventi di promozione, si è rinnovata la collaborazione con la Scuola Canadese Internazionale per aumentare la consapevolezza delle giovani generazioni sull’importanza di una sana alimentazione. A Hong Kong, il Consolato Generale ha collaborato con New Media Group e MORE, due delle maggiori piattaforme online del settore enogastronomico, realizzando delle dimostrazioni di cucina italiana, nonché ha celebrato il 700mo anniversario di Dante con l’evento “La cucina di Dante”, durante il quale sono stati proposti piatti dedicati a Inferno, Purgatorio e Paradiso.


La rete diplomatico-consolare si è inoltre avvalsa della collaborazione di Agenzia ICE, Camera di Commercio Italiana in Cina e Accademia della Cucina per numerose attività di promozione, tra cui video volti a far conoscere ai consumatori cinesi le Indicazioni Geografiche Protette (IGP) italiane contenute nell’accordo siglato di recente da UE e Cina in materia di indicazioni geografiche ma anche una cena speciale a Pechino organizzata dall’Accademia con la collaborazione –da remoto- dello chef Cracco.


“La Cina -ha dichiarato l’Ambasciatore Luca Ferrari- è un importantissimo mercato di sbocco per i prodotti italiani e, in particolare, per quelli del settore agroalimentare e vitivinicolo, che hanno visto una crescita esponenziale negli ultimi anni.”


Dal 2019 Italia e Cina hanno siglato importanti accordi nel settore agroalimentare, tra cui protocolli in materia di esportazioni di carne bovina, carne suina, nocciole, agrumi freschi, kiwi, riso, che favoriscono la penetrazione in Cina dei nostri prodotti e che hanno permesso un’impennata per l’export settoriale. “L’agroalimentare – ha spiegato l’Ambasciatore Ferrari – è stato uno dei settori trainanti della crescita delle esportazioni verso la Cina degli ultimi anni. A settembre 2021 le esportazioni italiane verso la Cina di prodotti dell’agricoltura, della silvicoltura e della pesca sono cresciute del 62,5% su base annua”. È una tendenza in linea con la crescita generale dell’export italiano verso la Cina. Nei primi 10 mesi del 2021 sono stati esportati dall’Italia un totale di 12,81 miliardi di euro verso la Cina –lo stesso ammontare di tutto il 2020-, segnando una crescita del 28,3% rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso (+19,8% rispetto ai primi 10 mesi del 2019).


1748