Questo sito utilizza cookies tecnici (necessari) e analitici.
Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie.

Padiglione italiano all’edizione numero 21 della Western China International Fair for Investiment and Trade (WCIFIT)

Il 25 maggio è stata inaugurata la ventunesima edizione della Western China International Fair for Investiment and Trade (WCIFIT). Anche quest’anno alla manifestazione, tra le più prestigiose nel Sud-ovest della Cina, è presente un padiglione interamente dedicato all’Italia, all’interno del quale espongono i propri prodotti tre aziende simbolo del Made in Italy a Chongqing.
Si tratta di: SFH, joint-venture italo-cinese che opera nel settore dell’automotive, Leonardo-Ansaldo Breda S.p.a., che progetta sistemi e tecnologie per treni e metropolitane, e Sparkle China, che si occupa di importare e distribuire nel mercato locale diversi prodotti italiani quali vino, acqua frizzante, pipe Savinelli, borse e portafogli in pelle e alcuni modelli di Vespa.

b67b38c8 625f 47a5 ad0b 83747c3035c1

Al padiglione Italia erano inoltre presenti rappresentanti della Camera di Commercio Italiana in Cina e Unitalia, ente che assiste gli studenti cinesi interessati a recarsi in Italia per proseguire i propri studi.
Al termine della cerimonia di apertura, il Console Generale Filippo Nicosia ha risposto alle domande dei molti giornalisti presenti, particolarmente interessati all’entità e tipologia degli investimenti effettuati da aziende italiane all’interno della Municipalità di Chongqing e, in generale, nel Sud-ovest della Cina.

c672f65a 7f69 43f9 9f6e 40c02fd0f230

Il Console Nicosia ha sottolieato come, tra i paesi intervenuti alla fiera, l’Italia sia quello che ha effettuato i maggiori investimenti a Chongqing ed ha auspicato la creazione di politiche governative più favorevoli per aziende italiane interessate ad esplorare le opportunità del mercato della Cina Sud-occidentale, in particolare in settori quali scienza e tecnologia.

b73309a4 025b 42ee a5a0 05d1b899f603

  • Tag:
  • N