Questo sito utilizza cookie tecnici, analytics e di terze parti.
Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie.

Preferenze cookies

Rassegna stampa tematica: esperti italiani e cinesi uniti per promuovere la smart mobility

Si è tenuto lo scorso 28 agosto, presso il Padiglione “N” dell’International Yuelai Conference Center di Chongqing, il China-Italy Big Data (Automotive) and Smart Mobility Forum, evento co-organizzato dal China International Intelligent Industry Expo Organizing Committee, dal Consolato Generale d’Italia a Chongqing, dal China Automotive Engineering Research Institute e dal Beijing Institute of Technology.

Il forum, al quale hanno partecipato circa 300 ospiti, ha visto gli interventi di docenti universitari e addetti ai lavori cinesi e italiani, che si sono focalizzati sullo sviluppo di nuove tecnologie al servizio dei mezzi di trasporto.

Stando a quanto affermato dal Vice Console Castellani, il rapido sviluppo di Information Technology, Intelligenza Artificiale, 5G, Big Data e Cloud Computing creerà nuove opportunità di crescita, in particolare nel campo dei trasporti. L’obiettivo del forum, ha sottolineato Castellani, è quello di esplorare tali opportunità e, attraverso lo scambio e il dialogo, promuovere la nascita di un nuovo sistema di mobilità più smart, efficiente, sicuro e, soprattutto, eco-sostenibile.

Nel corso dell’evento, il China Automotive Engineering and Research Institute (CAERI) ha firmato due Memorandum of Understanding rispettivamente con CSI S.p.a. e Università di Modena e Reggio Emilia, entrambi finalizzati a rafforzare le collaborazioni nel campo dell’innovazione e della tecnologia.

Tra i relatori presenti: il Professor Giampiero Mastinu (Politecnico di Milano), Wan Xinming (General Manager Caeri), il Professor Paolo Burgo (Università di Modena e Reggio Emilia), il Professor Francesco Guaraldi (Università di Modena e Reggio Emilia e Modena Automotive Smart Area).

Chongqing, in qualità di hub manifatturiero della Cina sud-occidentale, è uno dei poli industriali per quel che riguarda l’automotive, mentre l’Italia è all’avanguardia nei settori della smart mobility e della manifattura avanzata. L’Italia è stato inoltre il primo paese del G7 ad aderire ufficialmente alla Belt and Road Initiative, nonchè tra i principali della Cina in campo scientifico-tecnologico.

 

Fonti

  • 28-8-2019, Ifeng

http://cq.ifeng.com/a/20190828/7710976_0.shtml

  • 28-8-2019, Shangyou News

http://mini.eastday.com/a/190828171229376.html

  • 28-8-2019, Chongqing News Net

http://www.chinanews.com/cj/2019/08-28/8940314.shtml

  • 28-8-2019, IDC

http://news.idcquan.com/scqb/169311.shtml

  • 29-8-2019, Il Quotidiano di Chongqing

http://m.cqrb.cn/paper/cqrb/201908/29/content_118685.html

 

 

  • Tag:
  • N